Antillo. Progetti edilizia scolastica, la minoranza torna all’attacco: ” Il nostro emendamento è stato fondamentale”

ANTILLO – Continua  la polemica tra la squadra di minoranza e il sindaco Davide paratore in merito all’approvazione di un emendamento proposto dall’opposizione e concernente lo spostamento dell’ordine di priorità dei progetti di edilizia scolastica nel Piano Triennale delle Opere Pubblice 2013/2015, entrambi attinenti la Scuola Media Statale “Carlo Smiroldo” di Antillo. L’atto, è stato votato all’unanimità dal Consiglio comunale nella seduta dello scorso 27 marzo. I consiglieri di minoranza attaccano frontalmente il primo cittadino: “Paratore – scrivono in una nota – ha perso una buona occasione per tacere. Bisogna attenersi ai fatti – si legge nel documento – e non si può in alcun modo negare il fatto che la proposta sottoposta dal sindaco al Consiglio Comunale è stata modificata in modo sostanziale a seguito dell’emendamento proposto dal capogruppo di minoranza”. Parole decise quelle della lista “Uniti per Antillo” e che arrivano in risposta alle dichiarazioni del sindaco. Paratore aveva affermato che nella stessa giornata in cui si era tenuta la seduta di Consiglio in questione, la Giunta avesse deliberato la medesima modifica prevenendo il Consiglio che avrebbe successivamente emendato la proposta inserita all’ordine del giorno. “Un comportamento alquanto sospetto e parecchio singolare– secondo i consiglieri di minoranza, ai quali la versione di Paratore proprio non va giù. “La proposta portata in consiglio – si legge ancora nel documento – riguardava la modifica delle priorità al piano triennale 2013/2015 (non a quello 2014/2016) e rispecchiava un preciso indirizzo politico che andava esattamente in senso opposto a quello proposto dal gruppo di minoranza. La Giunta inoltre – scrivono i 5 d’opposizione – ha approvato solo la bozza e non già il piano triennale relativo al periodo 2014-2016 in quanto tale competenza è del Consiglio”. La minoranza usa toni al vetriolo: Il sindaco vuole ingannare i lettori, oltre che i cittadini antillesi: per l’opposizione la verità è un’altra: il bando regionale per l’edilizia scolastica riguardante la Delibera CIPE n. 94/2012 – si legge nella nota – prevedeva che all’istanza di finanziamento dovesse essere allegato, fra l’altro, “la copia conforme della deliberazione dell’organo deliberante, da cui si evinca l’inserimento e l’ordine di priorità dell’intervento proposto”. Premesso ciò – evidenzia l’opposizione – l’organo deliberante il piano triennale delle OO.PP. è il Consiglio e considerato che lo stesso, alla data del 27 marzo, non aveva ancora approvato quello relativo al 2014/2016, il piano triennale vigente a quella data era, indubitabilmente, il piano triennale 2013/2015 e, pertanto, determinante è stato l’ordine di priorità deciso dal Consiglio nella seduta in questione, mentre assolutamente ininfluente è la deliberazione che la Giunta avrebbe esitato in pari data e riguardante, invece, il piano 2014/2016”. Per la minoranza la legislatura di Paratore è stata contraddistinta dall’immobilismo. I consiglieri infine lanciano accuse pesanti a Paratore: “Nelle nervose divagazioni contenute nel suo avvelenato commento finale, sembrerebbe celarsi, , un autentico, insuperato, complesso di subalternità rispetto agli amministratori del recente passato”

Leave a Response