Antillo. “Nessun dietrofront”, il sindaco Paratore replica al gruppo di minoranza

Il sindaco di Antillo Davide Paratore ha replicato con una lunga nota alla minoranza che ieri era intervenuta sull’approvazione in Consiglio comunale, all’unanimità, un emendamento proposto dall’opposizione e relativo ad una modifica dell’ordine delle priorità di alcuni progetti relativi alla ristrutturazione della scuola media. La minoranza aveva parlato “inaspettato dietro-front dell’Amministrazione comunale”. “Ritengo doveroso, nei confronti degli Antillesi e al fine esclusivo di ristabilire la verità sui fatti avvenuti nella seduta consiliare del 27 marzo – ha scritto Paratore -, fare delle opportune precisazioni in ordine a quanto inopinatamente dichiarato dal capogruppo di opposizione Salvatore Smiroldo su un fantomatico dietro-front della maggioranza consiliare rispetto alle scelte dell’amministrazione e concretizzatosi in una modifica ad alcune priorità di settore del Piano Triennale delle OO. PP. 2013/2015, proposta dal gruppo di minoranza e votata all’unanimità dall’intero Collegio.Sul punto, e scanso di equivoci, intendo rimarcare che il Civico Consesso, a seguito di un mio intervento auspicante l’approvazione del proposto emendamento, ha sostanzialmente recepito all’unanimità alcune modifiche alle priorità di settore del Piano Triennale delle OO. PP. 2013/2015 che l’amministrazione comunale, con delibera di G.M. n. 45 del 27.03.2014, ha adottato, negli stessi e identici termini, per il nuovo Piano Triennale delle OO. PP. 2014/2016. Tali modifiche – ha aggiunto Paratore – che la Giunta ha dovuto tempestivamente apportare relativamente al triennio 2014/2016, con ciò mutando l’ordine delle priorità di settore per il triennio 2013/2015 precedentemente stabilito con la delibera di G.M. n. 23 del 6 febbraio 2014, si sono rese necessarie in funzione della presentazione di un progetto relativo all’edilizia scolastica al quale si è dovuto dare la necessaria priorità nell’ambito della programmazione dei lavori pubblici ; il tutto non per una questione di importo complessivo dell’opera da realizzare, né, tanto meno, per il poco pregio delle progettazioni retrocesse, per come hanno maliziosamente adombrato i consiglieri di opposizione, bensì perché il progetto in questione, peraltro rimasto per anni dormiente nei cassetti del Comune e rispetto al quale si è dovuto procedere ad una tempestiva attività di rimodulazione e aggiornamento, rientra a pieno titolo negli interventi oggetto del bando cui intendiamo partecipare. A tal proposito – ha proseguito il primo cittadino – mi corre l’obbligo di ribadire che l’amministrazione che mi onoro di rappresentare non nutre alcuna riserva pregiudiziale rispetto alle progettazioni avviate dalle precedenti amministrazioni, ritenendo che ogni via percorribile sia quella giusta, purché conduca al progresso e al benessere della comunità antillese. In conclusione, si è trattato di una demagogica e distorta rappresentazione della realtà, posta in essere da una compagine politica che, ancora a distanza di tre anni, non riesce a metabolizzare il sacro responso dell’urna, vivendo di nostalgia e operando sotto la pessima regia di maldestri suggeritori in cerca di antiche glorie. Ennesima conferma della pressoché totale mancanza di contenuti della loro proposta politica di fronte all’operato di un’amministrazione che, ad onta dei loro disfattistici pronostici, sta reggendo dignitosamente le sorti della comunità antillese, malgrado la congiuntura economica non certo favorevole e le immani difficoltà che quotidianamente si trova a dover fronteggiare”.

Leave a Response