Strada super veloce S. Teresa-Antillo, si ricomincia con l’approvazione della convenzione per la gestione associata

SANTA TERESA DI RIVA – L’iter per realizzare la strada collegamento veloce S. Teresa-Antillo riparte dall’approvazione dello schema di convenzione per la gestione associata e coordinata del Prusst Valdemone, programma di riqualificazione urbana e sviluppo sostenibile del territorio che qualche anno fa aveva inserito in agenda l’infrastruttura. Il primo tentativo, però, si è rivelato un buco nell’acqua nonostante alcuni annunci trionfalistici ai quali non erano seguiti fatti concreti. Il via libera alla progettazione della strada, con tanto di individuazione dei professionisti, era arrivato nell’ottobre del 2010 in un vertice tra gli amministratori della Vallata convocato dall’allora presidente dell’Unione dei Comuni delle Valli Joniche, Antonio Di Ciuccio. L’iter però si è inspiegabilmente impantanato. Nel frattempo, a dicembre 2013, si sono concluse le attività del Prusst, nonostante l’Ente attuatore, il Comune di Randazzo, abbia già attivato la procedura per ottenere dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti una proroga di altri 5 anni. A tal fine sarà necessario per i Comuni partecipanti riapprovare lo schema di convenzione, un passaggio già consumato in Consiglio a Santa Teresa. L’approvazione è arrivata all’unanimità e a tenere banco è stato proprio l’iter di realizzazione della strada, un’opera che il sindaco Cateno De Luca ha definito strategica per lo svincolo di Santa Teresa. «Vi sono già state due occasioni perse – ha detto De Luca – visto che sono usciti negli anni passati due bandi per strade intercomunali con fondi Fas. L’auspicio è che adesso gli altri Comuni rispettino gli accordi per il rinnovo delle convenzioni, visto che altrimenti si perderebbero i soldi per redigere il progetto esecutivo».

 (Nella foto, una bella immagine di Antillo)

Leave a Response