Giampilieri. Bloccati dalla Protezione civile lavori per 20 milioni di euro

GIAMPILIERI – Il completamento dei lavori per la messa in sicurezza di Giampilieri è a rischio. A lanciare l’allarme la Fillea, la categoria della Cgil che segue i lavoratori del settore edile, dopo il blocco da parte della Protezione Civile Regionale di 20 milioni di euro di lavori già cantierabili. Nei giorni scorsi tutti i tecnici del Genio civile, che hanno seguito i lavori per la messa in sicurezza dei territorio dopo l’alluvione del 2009, hanno comunicato alla Protezione civile regionale che  si sarebbero dimessi in massa per protesta, dal momento che dopo 4 anni e le numerose sollecitazioni andate a vuoto non è mai stata pagata nemmeno una parte delle somme dovute (indennità, anticipazioni per spese sostenute anche per carburante e mezzi). La Fillea sottolinea come la prima conseguenza di questa situazione sia il blocco degli 8 cantieri già previsti e la perdita degli almeno 200 posti di lavoro ad essi collegati. In un momento in cui la crisi del settore edile nella provincia di Messina ha portato nell’ultimo anno alla perdita di 1.500 posti di lavoro. “Una situazione a dir poco paradossale -osserva Biagio Oriti, segretario generale della Fillea Messina. Grazie al Genio Civile di Messina i lavori siano stati eseguiti a tempo di record, ultimati e collaudati e non esistano contenziosi con le ditte coinvolte nei lavori, ma oggi rischiamo il blocco delle opere che quei lavori devono completare. La Protezione Civile regionale non può scaricarsi da questo problema ma deve affrontarlo e risolverlo per la sicurezza delle persone, per il rispetto di chi ha lavorato e per far ripartire al più presto cantieri e lavoro”.

Leave a Response