Messina. Anno giudiziario, il presidente Fazio: ”’Situazione incancrenita e orizzonte buio”

MESSINA – Nulla è cambiato rispetto agli scorsi anni per quanto rigurda il funzionamento della Giustizia a Messina. Lo si evince da quanto detto in occasione dell’anno giudiziario dal presidente della Corte d’appello Nicolò Fazio: ”Una situazione incancrenita e l’orizzonte è buio”, una giustizia dunque in crisi per il magistrato. “Non riusciamo, malgrado la buona volontà – ha detto Fazio – ad evadere la domanda di giustizia in tempi ragionevoli, una gravissima disfunzione, a fronte della quale chi ha la responsabilità legislativa e di governo è intervenuto con rimedi palliativi. Sono mancate le indispensabili riforme straordinarie, ed ora è emergenza, in tutti i settori”. Una disamina in cui il magistrato parla di anomalie evidenti che non hanno avuto soluzione nemmeno con la miniriforma dell’anno scorso che mirando all’economia di spese ha “pregiudicato ulteriormente la funzionalità degli uffici coinvolti, sacrificando un valore di rilievo costituzionale, che inerisce al diritto di piena cittadinanza, cioe’ quello della “giustizia di prossimità”.

Leave a Response