Roccalumera. Il sindaco: “La protesta anti Tares un flop. Cittadini strumentalizzati da pseudo politici”

ROCCALUMERA – Immediata arriva la replica degli amministratori di Roccalumera che passano al contrattacco e in una nota chiariscono le ragioni del caro bollette e che ieri ha scatenato la protesta in piazza dei commercianti. “La manifestazione chiamata “noi non ci sTares” – scrive il sindaco Argiroffi – è stata una protesta non nell’interesse di Roccalumera, ma contro la mia persona e la mia amministrazione”. Il primo cittadino usa toni al vetriolo: “I cittadini di Roccalumera – continua – sono stati usati e strumentalizzati da alcuni pseudo-attori politici, bocciati inesorabilmente nella passata tornata elettorale”. Secondo Argiroffi dunque “la manifestazione “noi non ci sTares” è stata concertata da questi signori solo per avere un po’ di visibilità sui media ed esistere politicamente, essendo essi pervasi dalla sindrome dell’oblio”. Poi il duro affondo da parte del sindaco: “La protesta è stata un flop totale, nella quale si è registrata la partecipazione, secondo Argiroffi, di non più di 50 persone, compresi i non residenti”. Secondo il primo cittadino “la comunità di Roccalumera dopo aver bocciato questi finti attori politici nelle urne, ha riservato loro analogo trattamento nella piazza”. Una protesta che Argiroffi, giudica disdicevole ed offensiva in quanto strumentalizza l’aumento occorso della Tares, esso – sottolinea il sindaco – ha interessato sia Roccalumera che tutti i Comuni vicini”. Il sindaco di Roccalumera infine torna a difendere le scelte fatte dalla sua amministrazione e che hanno determinato un aumento delle tasse: “E’ un atto dovuto – conclude convinto Argiroffi – i debiti ereditati dalla passata gestione amministrativa. NEL TG90 DEL 18 GENNAIO AMPIO SERVIZIO 

Leave a Response