Fiumedinisi. Finanziato il recupero dell’ex caserma forestale

L’ex Caserma della Forestale di Fiumedinisi sarà trasformata in sede operativa dell’Azienda Foreste Demaniali, ente gestore Riserva di Monte Scuderi. Nello stesso edificio di contrada Nociara sarà realizzato un centro di ricerca del ciocco d’erica. L’erica arborea è una pianta sempreverde che cresce sulle montagne di Fiumedinisi. Il ciocco, cioè il rigonfiamento nodoso della radice che si forma in prossimità del terreno, è considerato tra i più apprezzati al mondo per le bellezze delle venature e la longevità del legno. Sarà studiato nel nuovo centro che verrà realizzato all’interno dell’edificio, che una volta ristrutturato diverrà anche area espositiva e anche punto informativo e di accoglienza per i visitatori della Riserva Naturale Orientata “Fiumedinisi-Monte Scuderi”, istituita nel 1998 con una estensione di 4500 ettari ricadenti nei comuni di Fiumedinisi, S. Lucia del Mela, Nizza, S. Pier Niceto, Itala, Monforte S. Giorgio e Alì. L’intervento, dal costo di 350mila euro, è stato finanziato nell’ambito del Pist 17 “Peloritani, terre dei miti e della bellezza”. Sarà il Dipartimento Azienda Foreste Demaniali ad occuparsi dell’appalto e dell’esecuzione dei lavori che dovranno essere completati in 10 mesi dal momento della consegna. Il progetto di riqualificazione dell’ex caserma, redatto dal Comune di Fiumedinisi nel 2010, era stato ceduto all’Azienda Foreste Demaniali in seguito alla firma di un protocollo d’intesa tra i due enti. La convenzione stipulata prevede che il Comune di Fiumedinisi, proprietario della struttura, ceda all’Azienda Forestale la gestione e la conduzione dell’immobile. Il costo di realizzazione dell’opera, pari a 350mila euro, è suddiviso in 208.085,25 euro per lavori e 141.914,74 euro per somme a disposizione. Responsabile del procedimento è il geom. Pietro D’Anna del Comune di Fiumedinisi.

Leave a Response