Taormina. Il sindaco risponde agli imprenditori: “Quel documento è un atto ingeneroso e non corrisponde alla realtà”

TAORMINA – Non ci sta il sindaco Eligio Giardina. Le critiche mosse da Sebastiano De Luca, Italo Mennella e Franco Parisi proprio non sono andate giù al primo cittadino che, tramite una nota, risponde per le rime a chi lo accusa di non aver fatto abbastanza per la città in questi primi sei mesi di legislatura. Orami è scontro frontale tra le associazioni di imprenditori e albergatori e Giardina che adesso passa al contrattacco: “Quel documento – scrive – è solo un atto presuntuoso, pieno di inesattezze, bugie e privo di qualsiasi forma di rispetto verso questa amministrazione”. Il sindaco della Perla non le manda certo a dire: “Il bilancio tracciato da De Luca, Mennella e Parisi – aggiunge – è ingeneroso e non corrisponde alla realtà. E’ solo una sequenza di critiche strumentali e inaccettabili”. Giardina poi si difende e risponde punto per punto all’attacco di imprenditori e albergatori taorminesi: “ De Luca, Mennella e Parisi ci rimproverano di non aver provveduto al recupero dei crediti come acqua, tarsu suoli pubblici – sottolinea il sindaco – ebbene – continua – siamo al paradosso, poiché sono proprio le attività imprenditoriali che hanno ingenti debiti nei confronti del comune. Forse – si legge ancora nella nota a firma del primo cittadino – siamo colpevoli di essere stati troppo comprensivi”. Altro nervo scoperto toccato dalle forze produttive della Città è quello relativo al Palacongressi: anche qui Giardina risponde deciso: “Il project financing è una strada troppo lunga ed è incompatibile con le esigenze di taormina. Già nella prossima settimana – garantisce il sindaco – saranno appaltati i primi lavori per la messa in sicurezza della struttura”. Immancabile il riferimento da parte degli albergatori e commercianti alla tanto odiata tassa di soggiorno. La risposta del primo cittadino anche a questo proposito non si è fatta attendere: “nelle procedure inerenti l’imposta turistica c’è stata la massima legalità e trasparenza”. Giardina invece è categorico sulle nomine di sottogoverno: “Sulle scelte politiche non ammetto ingerenze e giudizi di alcun tipo”. Poi una rassicurazione per De Luca, Mennella e Parisi: “L’amministrazione – dice il sindaco della Perla – ha ben presente il documento programmatico disposto da imprenditori e albergatori durante la campagna elettorale”. Infine Giardina annuncia una relazione semestrale e una conferenza stampa nella quale verrà fatto un resoconto su quanto fatto finora dalla nostra amministrazione. In quella sede verrà messo nero su bianco la situazione e – conclude il primo cittadino – verrà finalmente ripristinata la verità dei fatti.

Leave a Response