Messina. Ricercatore dell’Università perde la vita in Antardite

MESSINA – Il ricercatore messinese Luigi Michaud, 40 ann, (nella foto), del dipartimento di Scienze Biologiche ed Ambientali dell’università di Messina, è morto la notte scorsa durante un’immersione nel tratto di mare che si trova davanti alla base antartica italiana ”Mario Zucchelli”. A quanto si apprende Michaud ha avuto un malore mentre era in acqua. A dare la notizia della morte del ricercatore è stato il capo della spedizione italiana in Antartide, Franco Ricci, dell’Enea. Michaud stava svolgendo attività scientifica subacquea per il prelievo di campioni marini. Nonostante le misure di sicurezza e l’immediato intervento della squadra di soccorso, ogni tentativo di mantenerlo in vita è stato vano. Luigi Michaud lascia la moglie e due figli. La comunità accademica messinese si stringe attorno ai familiari di Michaud. “A nome di tutta l’Università di Messina – scrive il rettore Pietro Navarra – esprimo il più sentito cordoglio, in particolare alla moglie Angela e ai piccoli Carlo e Sophie, per la gravissima perdita. L’idea di una giovane vita interrotta così tragicamente e prematuramente, ci addolora e ci lascia attoniti”. Una relazione sull’accaduto sarà trasmessa al ministro per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca, Maria Chiara Carrozza.

Leave a Response