Ars sotto ”attacco”, 97 deputati indagati per presunto uso illecito dei fondi destinati ai gruppi parlamentari

PALERMO – Sono 97 , 34 dei quali in attività, i deputati regionali dell’Assembla regionale siciliana indagati nell’inchiesta della Procura di Palermo sul presunto uso illecito dei fondi per i gruppi parlamentari. Sette i messinesi, tra cui alcuni ex, finiti nel registro della magistratura. L’accusa ipotizzata è peculato. L’inchiesta, condotta dalla Guardia di finanza, ha preso il via nel 2012. Sotto la lente d’ingrandimento della magistratura sono finiti Livio Marrocco, Giulia Adamo, Luigi Gentile, Giuseppe Spampinato, Ignazio Marinese, Alessandro Aricò, Carmelo Currenti (messinese), Marianna Caronia, Francesco Musotto, Gugliemo Scammacca Della Bruca, Francesco Mineo, Giovanni Cristaudo, Giovanni Greco, Carmelo Incardona, Raffele Nicotra, Antonino Scilla, Giambattista Bufardeci, Marco Forzese, Orazio Ragusa, Mario Parlavecchio, Salvatore Lentini, Salvatore Giuffrida, Nino Dina, Rudi Maira, Salvatore Cascio, Salvatore Cordaro, Giuseppe Gianni, Giuseppe Lo Giudice, Santo Catalano, Paolo Ruggirello, Riccardo Savona, Mario Bonomo, Innocenzo Leontini, Francesco Cascio, Salvo Pogliese, Nicola Leanza, Cateno De Luca (messinese), Cataldo Fiorenza, Nunzio Cappadona, Nicola D’Agostino, Giovanni Di Mauro, Fortunato Romano (messinese), Antonello Cracolici, Calogero Speziale, Michele Donegani, Giuseppe Arena, Marcello Bartolotta (messinese), Francesco Calanducci, Paolo Colianni, Orazo D’Antoni, Antonio D’Aquino (messinese), Giuseppe Federico, Giuseppe Gennuso, Raffaele Lombardo (ex presidente della Regione), Riccardo Minardo, Giuseppe Sulsenti, Michele Cimino, Giovanni Ardizzone (messinese), Roberto Ammatuna, Pino Apprendi, Giovanni Barbagallo, Roberto De Benedictis, Giacomo Di Benedetto, Giuseppe Di Giacomo, Davide Faraone, Michele Galvagno, Baldo Gucciardi, Giuseppe Laccoto (messinese), Giuseppe Lupo, Vincenzo Marinello, Bruno Marziano, Bernardo Mattarella, Camillo Oddo, Filippo Panarello (messinese), Giovanni Panepinto, Franco Rinaldi, Salvino Pantuso, Mino Di Guardo, Massimo Ferrara, Giuseppe Picciolo (messinese), Concetta Raia, Salvatore Termine, Gaspare Vitrano, Vladmiro Crisafulli, Gianni Parisi, Giuseppe Cipriani, Enzo Napoli. Sotto indagine anche alcuni dipendenti o consulenti dei gruppi. La Gdf nelle scorse settimane ha depositato in procura un’informativa con i risultati degli accertamenti. Stando a quanto emerso, gli indagati avrebbero speso i soldi dei rimborsi dei gruppi di appartenenza per acquisti di cravatte, borse, ma anche biancheria intima griffati, gioielli e rimborsi di soggiorni in alberghi di lusso.

Leave a Response