Nizza di Sicilia. I direttori del Parco suburbano e dei Servizi sportivi stipendiati dal Comune con oltre 7 mila euro l’anno ciascuno

NIZZA DI SICILIA – La Giunta (nella foto il sindaco Di Tommaso) ha approvato i bilanci di previsione dei Servizi sportivi e del parco suburbano ”Roccca di Buticari” relativamente al 2013 e al triennio 2013-2015. Adesso la delibera dovrà essere sottoposta al Consiglio comunale nella riunione in programma il 29 novembre prossimo. Il Comune nel 2008 aveva concesso in uso il campo di calcio, da tennis, la palestra delle scuole medie di via Marina. A capo di questa istituzione e del Parco erano stati nominati due direttori esterni scelti, necessariamente al di fuori dell’apparato amministrativo. Come viene rilevato nella delibera dell’Esecutivo, le risorse principali da destinate verranno erogate dai finanziamenti comunali che ”ogni anno vengono incrementati lievemente”. Dunque, le spese di gestione dei Servizi dello sport e del Parco ”Rocca di Buticari” saranno a carico dell’amministrazione guidata dal sindaco Giuseppe Di Tommaso. Un impegno gravoso perché c’è da ricordare che la situazione finanziaria dell’ente comunale è deficitaria. Andando a spulciare i conti del previsionale, il Comune elargirà al Parco 17 mila euro per ciascuno degli anni 2013, 2014 e 2015, con un incremento annuale di 200 euro. Al direttore spetterà la somma annua di 8.712 euro, corrispondente a dodici mensilità pari all’indennità percepita dagli assessori comunali. Dunque, circa la metà dei soldi destinati al Parco suburbano. Stesso discorso per i Servizi sportivi, con una variante in rialzo: 2013 (18 mila e 100 euro), 2014 (19 mila e 100) e 2015 (20 mila e 100 euro), soldi, ovviamente, provenienti sempre dalle casse del Comune. Nelle tasche del direttore andranno 7.200 mila euro per ogni annualità. Sia per il Parco che per i Servizi sportivi, la rimanente somma al netto dell’indennità ai direttori, sarà destinata a spese di gestione e interventi vari degli impianti. In entrambi i casi, sono previste entrate irrisorie, quasi inesistenti. Quindi, l’amministrazione comunale per far fronte agli ”stipendi” dei direttori sborserà complessivamente 47 mila e 736 mila euro nel triennio 2013-2015. Necessaria la nomina dei due ”esperti” per concretizzare e rendere operative le Istituzioni del Parco e di quello sportivo in modo da poter ottenere finanziamenti pubblici. Ma ci si chiede se la spesa poteva essere contenuta ritoccando al ribasso le spettanze annuali dei direttori. Sentir parlare di 47 mila euro a beneficio di due privati, comunque, suona male per i contribuenti nizzardi, chiamati ad enormi sacrifici economici. Ma tant’è.

Leave a Response