Taormina. Aro, primi passi verso la costituzione

TAORMINA – Abbattuta l’atavica resistenza del comune di Taormina ad aderire all’Aro, nuovo ente che dovrebbe occuparsi della gestione comprensoriale del sistema di raccolta e smaltimento rifiuti. Con la presa d’atto del protocollo d’intesa, già sottoscritto dagli amministratori dei comuni di Giardini Naxos, Letojanni, Castelmola, Gaggi, Mongiuffi Melia e Gallodoro, lo scorso 21 agosto, la Giunta di Taormina ha recepito formalmente la procedura comprensoriale ed ha già disposto l’assunzione della necessaria disponibilità nel bilancio di previsione di una somma di 4 mila euro pari alla quota occorrente per l’iter di costituzione dell’Aro. Proprio su questo tema gli altri sindaci del comprensorio attendevano da mesi un’apertura di Taormina, al fine di procedere all’organizzazione e alla gestione del servizio di spazzamento, raccolta e trasporto dei rifiuti. È stato, inoltre, disposto l’affidamento, a titolo gratuito e senza costi aggiuntivi all’Ato4, oggi società in fase di liquidazione, del servizio di elaborazione e redazione di un valido e dettagliato piano di intervento per l’istituzione dell’Ambito di Raccolta Ottimale, da sottoporre all’attenzione dell’Assessorato regionale all’Energia e Servizi di Pubblica utilità e al Dipartimento regionale dell’acqua e dei rifiuti. Aspettando l’Aro, nei giorni scorsi, Palazzo dei Giurati, ha espresso la volontà di far proseguire provvisoriamente la gestione del Servizio di nettezza urbana a MessinAmbiente in attesa che il nuovo ente comprensoriale venga definito ed entri effettivamente in vigore.

Leave a Response