Castelmola. Panettiere disperso sui Nebrodi, ritrovato dopo 16 ore

CASTELMOLA – Un incubo che fortunatamente si è concluso con un lieto fine. E’ la storia di Domenico Gugliotta, 24 anni, panettiere di Castelmola che per 16 ore è stato disperso sui monti Nebrodi. Il giovane si era recato insieme ad uno zio e ad un amico per raccogliere funghi nel territorio di Cesarò. Il panettiere ad un tratto si è allontanato per continuare la ricerca poco distante dai due compagni d’avventura. Trascorsa qualche ora lo zio e l’amico del 24enne, preoccuparti hanno allertato il 112. Intorno alle 15 volontari e forze dell’ordine tra cui i carabinieri della compagnia di Sant’Agata di Militello e quelli di Santo Stefano di Camastra hanno setacciato il territorio. Hanno partecipato alle ricerche anche due unità cinofile della Guardia di Finanza e la Guardia Forestale. Fondamentale il contributo degli uomini dell’arma di Bronte e Randazzo supportati dall’ausilio di un elicottero. Erano le 20, ma di Domenico nessuna traccia. Le ricerche, a causa dell’oscurità, dunque sono state sospese. Il giovane ha passato una notte al freddo nel bosco: gli è sembrato di vivere un vero e proprio incubo. Intorno alle 9 di ieri nella zona di contrada cartolari al confine con un vasto territorio che interessa i comuni di Adrano, Bronte e Cesarò è stato ritrovato il giovane panettiere dai carabinieri di Longi e Tortorici: il ragazzo era visibilmente provato dalla nottata passata all’addiaccio. Gugliotta è stato rifocillato, visitato e poi, finalmente, ha fatto rientro a casa a Castelmola che mai ha tanto amato come ieri. 

Leave a Response