Regione. Sfiducia a Crocetta, M5S e Musumeci ci provano

Movimento 5 Stelle e il gruppo Musumeci sono pronti a presentare una mozione di sfiducia contro il presidente Rosario Crocetta. L’indicazione è arrivata dalla base del movimento di Beppe Grillo che in una votazione online, che ha coinvolto gli attivisti siciliani, si sono espressi a favore della mozione. Il “sì” è stato plebiscitario: il 90,49% degli attivisti dei meetup siciliani hanno chiesto al movimento di mandare a casa il presidente. Le tesi pro e contro la sfiducia erano state dibattute nel corso di un’assemblea regionale del Movimento, tenuta domenica scorsa ad Enna.
Al presidente Crocetta, in particolare, non è stato perdonato il non aver dato risposte alla Sicilia su alcuni punti che il Movimento gli ha espressamente sollecitato (reddito di cittadinanza, aiuti alle piccole imprese, rifiuti, energia e moneta complementare). “Su queste tematiche – raccontano i deputati – avevamo chiesto a Crocetta risposte precise. Non ne è arrivata nessuna. Mentre la Sicilia brucia è assurdo che al centro del dibattito politico siano le poltrone e il rimpasto di governo. E’ ora di dire basta, per noi è il momento di tornare a votare”. Il “sì” della rete alla sfiducia ora dovrà concretizzarsi in un atto ufficiale. I deputati 5 stelle dovranno trovare ora altri 4 parlamentari che sottoscrivano il documento per arrivare alla soglia minima richiesta di 18 firme per presentare l’atto. Ma trovare gli altri 4 parlamentari non sembra difficile, considerata anche la disponibilità espressa ieri da Nello Musumeci. “Il presidente Crocetta – ha detto Musumeci – continua a snobbare il parlamento. La sua reiterata e manifesta volontà di sottrarsi al confronto con l’aula – come da noi chiesto subito dopo l’apertura della crisi annunciata dal Pd – significa mancanza di rispetto per la rappresentanza popolare e paura di affrontare il giudizio non solo della opposizione, ma anche della sua virtuale maggioranza.. Ne consegue che se l’unica via d’uscita da questa drammatica e allucinante paralisi consiste nell’atto di sfiducia del parlamento a Crocetta, i nostri voti – ha concluso Musumeci – saranno fra quelli necessari alla presentazione della mozione”.

Leave a Response