Taormina. Parcheggi, Impregilo chiede pignoramento di 42 milioni al Comune

TAORMINA – E’ ormai diventata una guerra senza esclusione di colpi quella tra Impregilo e il comune di Taormina. L’ultimo affondo è stato messo in atto dalla ditta milanese che ha notifica a Palazzo dei Giurati un decreto con il quale comunica una richiesta di pignoramento da 42 milioni di euro. Una cifra astronomica che riguarda eventuali interessi e rivalutazioni che corrispondente all’importo precettato di 28 milioni di euro (cifra assegnata provvisoriamente ad Impregilo stabilito dal tribunale di taormina nel dicembre 2012 e per la quale il Comune ha già chiesto la sospensiva) aumentato della metà. Gli amministratori della Perla attendono con ansia adesso la data del 16 settembre giorno in cui il Tribunale si pronuncerà sul pignoramento. L’ultima richiesta dell’impresa milanese ha messo in allarme la Giunta e il Consiglio di Taormina: le forze di maggioranza e opposizione si sono riuniti ieri per un vertice urgente durante il quale si è discusso il da farsi. La richiesta di pignoramento però non sembra preoccupare più di tanto il sindaco di Taormina Eligio Giardina: “Impregilo ha fatto una mossa dettata dalla disperazione – afferma il primo cittadino – siamo fiduciosi e sereni – ha continuato – sul fatto che il Comune riuscirà ad avere la meglio in questa vicenda”. Giardina punta tutto sulla validità del collaudo parcheggi che ha stabilito che è la Perla a vantare un credito di 39mln di euro con la ditta milanese: “Questa ennesima aggressione non ci deve impressionare – sottolinea il sindaco – siamo dinanzi ad una mossa prevedibile alla quale risponderemo nelle dovute sedi”. Di “ingiustificata aggressione” parla  il segretario generale del Comune Michelangelo Lo Monaco: “Non rimarremo fermi e faremo di tutto per bloccarla. Il pignoramento – continua il segretario  – costituisce nella sequenza del contenzioso un atto consequenziale che reca con sé tutte le contraddizioni del provvedimento da cui trae origine e cioè l’assegnazione provvisoria dei 25mln”. Il lodo parcheggi appare sempre più intrigato. Impregilo però sembra determinata a riscuotere dal comune di Taormina le somme che, non a caso, sono state già iscritte nel bilancio dell’impresa milanese. 

Leave a Response