Furci. Multe fino a 500 euro per chi sporca

FURCI – Lasciare per strada bottiglie, contenitori di vetro, lattine e residui di consumazione può costare caro: fino a 500 euro di sanzione. Lo stabilisce un’ordinanza del sindaco di Furci, Sebastiano Foti, con cui vengono adottate una serie di misure per la prevenzione e la repressione degli schiamazzi e dei rumori lesivi della salute ed a garanzia della sicurezza delle persone e dell’igiene pubblica. Il provvedimento è stato indirizzato anche ai titolari delle licenze per l’esercizio delle attività di pubblico spettacolo o intrattenimento, di esercizi di somministrazione, di strutture ricettive e ai circoli privati. A loro il primo cittadino ha ordinato «di vigilare e assicurare che sia all’interno quanto all’esterno dei locali i frequentatori evitino comportamenti dai quali possa derivare pregiudizio alla quieta pubblica e privata, nonché all’igiene». Da qui l’invito a collocare negli spazi di pertinenza appositi contenitori dei rifiuti. Con lo stesso provvedimento i cittadini vengono invitati a garantire la quiete del vicinato «utilizzando toni di voce adeguati alla situazione, evitando canti, schiamazzi e urla». Il mancato rispetto delle regole citate comporta l’applicazione di sanzioni amministrative che vanno da 25 a 500 euro. Copia dell’ordinanza è già sul tavolo degli uffici competenti, a partire dal Comando di Polizia municipale ed è stata inviata anche alla stazione dei carabinieri. Le direttive sono state impartite, adesso bisogna farle rispettare. E non sempre ciò accade. Un esempio: un’ordinanza vieta, soprattutto di buon mattino, l’uso di megafoni agli ambulanti per promuovere la mercanzia. Ma diversi residenti e vacanzieri si sono lamentati…

 

Leave a Response