Terremoto, due forti scosse e sciame sismico sul versante tirrenico

Due forti scosse e poi una lunga scia sismica con almeno altre 20 piccole scosse. Trema la terra in Provincia di Messina, sul versante tirrenico, ma il terremoto è stato avvertito fino a Palermo, a Catania e in Calabria. Tanta la paura ma per fortuna nessun danno. Le scosse più forti sono arrivate nell’arco di un paio di minuti all’1:04 e all’ 1:06 della scorsa notte. Secondo quanto riferisce l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, i sismi hanno avuto un’intensità pari a 4,2 e 4,1 della scala magnitudo locale e si sono verificati ad una profondità di 10,4 km in prossimità di Brolo, Ficarra, Gioiosa Marea, Librizzi, Montagnareale, Patti, Piraino, Raccuja, Sant’Angelo di Brolo e Sinagra. Gli eventi sismici sono stati chiaramente avvertiti anche Messina ma soprattutto alle isole Eolie, dove residenti e turisti si sono riversati in strada preoccupati. Non si segnalano danni a cose o persone, ma le chiamate alla Sala operativa dei Vigili del Fuoco sono state centinaia da parte dei cittadini preoccupati dall’intensità dei due eventi sismici. Subito dopo le prime due scosse, tra l’1.10 e le 2.15 sono seguite una ventina di repliche di intensità compresa tra magnitudo 2.0 e 2.6. L’unico intervento dei vigili del fuoco è stato finora eseguito a Sant’Agata di Militello, dove una persona disabile è stata aiutata a scendere al piano più basso della sua abitazione. Anche la Protezione civile non segnala alcun danno: “Dalle verifiche effettuate dalla Sala situazione Italia non risultano al momento danni a persone o cose”, si legge in un comunicato diffuso poco dopo le 3:15 di questa notte. Il terremoto è stato avvertito chiaramente anche nella riviera jonica messinese.

Leave a Response