Taormina. Rifiuti, adesione all’Aro o affidamento all’Asm? Il Comune valuta

TAORMINA – Il futuro del settore rifiuti nella Città del Centauro non è ancora del tutto nitido. L’amministrazione del sindaco Eligio Giardina sta valutando due diversi percorsi da intraprendere alla fine del 2013, quando con molta probabilità Messinambiente verrà “congedata”. In primis ci sarebbe la possibilità di aderire all’ambito di raccolta ottimale insieme ai comuni di Giardini, Castelmola, Letojanni, Mongiuffi Melia, Gallodoro e Gaggi che hanno già confermato l’intenzione di aderire all’ambizioso progetto. Manca solo l’ok definitivo di Palazzo dei Giurati che in questi giorni sta valutando il da farsi. Gli amministratori taorminesi hanno partecipato già a numerosi incontri propedeutici alla formazione della Aro, (l’ultimo risale a qualche giorno addietro) ma non hanno ancora sciolto le riserve. Il progetto prevede l’approvazione di un unico piano di spazzamento, raccolta, e trasporto dei rifiuti solidi urbani. Ma il comune di Taormina starebbe valutando la possibilità di intraprendere una seconda strada: quella di affidare il servizio di nettezza urbana all’Asm. In questo caso s tratterebbe di una gestione in house del servizio. La municipalizzata ha già nel cassetto un progetto per la realizzazione di un impanto che riesca ad effettuare la differenziata a valle. Un dato sicuro però sembra esserci ed è quello che riguarda la rescissione del contratto con la società Messinambiente. “Per il settore rifiuti si punta ad un abbattimento dei costi” – fanno sapere da Palazzo dei Giurati. L’assessore all’eclogia Salvo Cilona intanto è già a lavoro per monitorare i piano di spesa del delicato settore. Cilona si è detto convinto che il servizio si possa garantire in modo efficace risparmiando sugli oneri di spesa…
NEL TG90 DI OGGI, 12 AGOSTO, IL SERVIZIO INTEGRALE

Leave a Response