Mongiuffi Melia. E’ morto l’operaio catanese caduto da una scala

MONGIUFFI MELIA – Non c’è l’ha fatta l’operaio catanese che due settimane addietro era caduto da una scala mentre eseguiva dei lavori all’impianto di illuminazione pubblica di Mongiuffi Melia. Martedì il 62enne è morto all’ospedale San Vincenzo di Taormina dove era stato trasportato dopo l’incidente. L’uomo, che lavorava per conto della ditta “Russo Antonino Orlando” di Taormina, lo scorso 19 luglio si trovava su una scala, nel centro di Melia (poco distante dalla piazza centrale)  per effettuare un controllo all’impianto elettrico comunale che da qualche giorno creava disagi ai residenti. Improvvisamente l’operaio, che in quel momento si trovava accanto ad un lampione, è caduto. Un volo di circa 5 metri che gli sarebbe stato fatale. I passanti hanno immediatamente soccorso l’uomo allertando il 118. Poi il trasporto al presidio ospedaliero della Città del Centauro dove è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. I carabinieri della Compagni di Taormina, al comando del capitano Francesco Filippo, stanno indagano sul tragico incidente. Gli inquirenti si stanno concentrando sui motivi che avrebbero provocato la caduta, sulla sussistenza delle misure di sicurezza e sulla regolarità dei lavori. I militari dell’Arma hanno sequestrato la cassetta che si trovava vicina al lampione, il quadro elettrico di via Sauro e la scala (che dovrebbe appartenere al comune). I carabinieri intanto stanno ascoltando gli abitanti del piccolo collinare, gli amministratori e gli impiegati comunali in cerca di una testimonianza che potrebbe rivelarsi decisiva per ricostruire la dinamica esatta del mortale incidente.

Leave a Response