FURCI. Comune-Pro loco, convenzione nel mirino

Furci. La convenzione con la Pro loco, l’integrazione oraria di alcuni contrattisti e la gestione del campo da tennis sono finite nel mirino del gruppo di minoranza. I consiglieri Francesco Rigano, Chiara Cocuccio, Francesco Moschella, Pietro Trimarchi e Sarah Vita. In merito alla convenzione con la Pro loco gli esponenti di «Lavoriamo per Furci» intendono sapere «quali sono i servizi e le attività per le quali è stato concesso un contributo di 6mila euro all’associazione tenuto conto che dal documento siglato dalle due parti non si evince. Chiediamo altresì – prosegue il capogruppo Rigano – di sapere attraverso quale criterio vengono scelte le persone per lo svolgimento della pulizia di strade e piazze e se tali soggetti percepiranno un gettone di presenza per i servizi resi».
Per quanto concerne il campo da tennis, l’opposizione intende sapere «come, allo stato, l’impianto viene gestito dall’amministrazione, se è il Comune a incassare i soldi pagati dagli utenti e con quali modalità». L’ultimo dei tre documenti indirizzati al sindaco Sebastiano Foti e al presidente del civico consesso, Gianluca Di Bella, riguarda l’integrazione dell’orario di lavoro di una dipendente contrattista assegnata all’area amministrativa per complessive 36 ore settimanali dall’1 al 31 luglio. Si vuol sapere «se il responsabile di area amministrativa ha espressamente richiesto di effettuare integrazioni orarie per evitare scompensi operativi nell’attivazione dei servizi essenziali e, conseguentemente, se tali integrazioni sono necessarie».

Leave a Response