S. Alessio. Due arresti per furto di imbarcazioni

S. ALESSIO – Proseguono nel comprensorio taorminese, a cura dei Carabinieri della Compagnia di Taormina, i servizi finalizzati alla prevenzione dei reati contro il patrimonio. Nello specifico, i militari dell’Arma, la scorsa notte, hanno arrestato due persone, un 23enne catanese ed 30enne di Letojanni, ritenuti responsabili di furto aggravato di tre imbarcazioni.
A far scattare l’allarme ed il conseguente intervento dei carabinieri è stato il proprietario delle imbarcazioni, il quale, avendo riscontrato l’assenza dei natanti che erano ormeggiati in un tratto di mare antistante il Comune di Sant’Alessio Siculo (Me), ha immediatamente avvisato il numero di Pronto Intervento 112 dei Carabinieri.
Nel frattempo, i due malfattori, avendo preso il largo, si erano diretti in mare verso sud trainando le tre imbarcazioni rubate con un’altra imbarcazione a loro in uso.
Nella circostanza, una pattuglia dei carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Taormina, già in servizio esterno di perlustrazione, allertata dalla centrale operativa dei carabinieri della Compagnia del Centauro, individuava dalla costa le tre imbarcazioni in navigazione, mentre venivano trainate verso un tratto di costa in località Chillemi del Comune di Letojanni (Me).
I militari dell’Arma, pertanto, raggiunta prontamente la località di approdo dei natanti, riuscivano a bloccare i due malfattori, i quali venivano quindi trasferiti in caserma al fine di fare piena luce sulla vicenda.
Dopo gli accertamenti eseguiti dai Carabinieri e chiarite le responsabilità penali emerse a carico dei due, scattavano le manette per Fabio Raneri, nato a Taormina ma residente a Letojanni, idraulico, già noto alle Forze dell’Ordine, e Dino Diolosà, nato a Biancavilla e residente ad Adrano, incensurato. I due devono adesso rispondere di furto aggravato.
Le tre imbarcazioni sono state restituite al proprietario.

Leave a Response