Nizza. Chiesta nuova autorizzazione per il depuratore

NIZZA – Completati i lavori al depuratore, l’Amministrazione comunale ha presentato istanza all’assessorato regionale dell’Energia e dei Servizi di pubblica utilità per il rilascio dell’autorizzazione allo scarico in mare, mediante condotta sottomarina, delle acque reflue urbane in uscita dall’impianto di depurazione consortile. L’impianto, ubicato in contrada Piana, serve anche i Comuni di Fiumedinisi ed Alì Terme. Nei mesi scorsi, dopo aver riscontrato alcune irregolarità, la Regione aveva revocato l’autorizzazione allo scarico, risalente al giugno 2010. Ne erano seguite dure polemiche con l’opposizione che ha sempre chiesto chiarezza sia sul funzionamento del depuratore che sulla gestione. La struttura, in funzione dai primi Anni 80, ha spesso richiesto interventi di riparazione e manutenzione allo scopo di garantirne il funzionamento. “I lavori compiuti – ha spiegato in una nota l’Amministrazione comunale – hanno comportato una sospensione del ciclo depurativo. Sospensione peraltro comunicata a tutti gli enti interessati. Con l’esecuzione dei lavori – proseguono gli amministratori di Nizza – sono state rimosse le disfunzionalità e le eventuali violazioni connesse alla necessità di eseguire i lavori suddetti. A conclusione è stato riattivato il ciclo depurativo dell’impianto”.

 

Leave a Response