Alì Terme. Amministrative, rissa sfiorata durante un comizio di Marino

ALI’ TERME – A  quattro giorni dal voto si inasprisce il confronto elettorale sia per i toni forti lanciati da alcuni dei candidati dalla tribuna comiziale ma anche a causa di ben determinati fiancheggiatori che in paese non perdono occasione per soffiare sul fuoco. E che la tensione è da qualche settimana alta, seppur contenuta grazie al buon senso dei più, lo si è capito domenica sera durante i comizi che hanno tenuto in piazza Prestia i candidati sindaco, Peppinello Marino, vicesindaco uscente,  imprenditore termale, e da Antongiacomo Rizzo, medico chirurgo, sostenuti, rispettivamente, dalle liste ”Alì Terne nel cuore” e da ”Alì Terme costruiamo futuro”. Ad aprire la serata, in una piazza gremita, era stato Marino,  che aveva elencato alcuni punti strategici del suo programma elettorale.  Poi era stata la volta dell’assessore Carmelo Sparacino, che ha inteso chiarire una dichiarazione fatta in una precedente occasione dall’antagonista ing. Nino Melato. Il  contendere tra  i due candidati l’utilizzo di 9 mila euro spesa  qualche mese addietro dall’uscente amministrazione Grasso. In buona sostanza, tra  i due ci sono state chiavi di lettura netttamente contrastanti sull’utilizzo della somma. Ad un certo punto,  Sparacino ha invitato sul palco Melato con l’intento di mostrargli un documentu dal quale, secondo l’assessore, si poteva evincere che  i soldi erano serviti  a costruire  la strada di collegamento con il campo di calcio in contrada  ”Sadano”. ”E no assolutamente,  ha rimarcato Sparacino, per organizzare  un torneo di calcetto come detto da Melato”. Apriti cielo! Melato non ha perso tempo, rispondendo dalla piazza che il suo dire nel  precedente  comizio era stato frainteso, strumentalizzato, e che mai aveva detto che quei 9 mila euro erano stati destinati per lo svolgimento della manifestazione sportiva. Sta di fatto che ad un certo punto tra una decina di simpatizzanti di entrambe le liste, si è innescata un’animata discussione. E’ volata  qualche parola  di troppo, ci sono stati spintoni, e qualche trattenuta da rugby per evitare che si arrivasse al contatto fisico. La rissa  è stata evitata  per l’intervento di carabinieri, vigili urbani, e pacieri, che hanno fatto anche opera di persuasione per stemperare  la tensione. Dopo alcuni minuti si è tornati alla normalità. A conclusione di serata è stata la volta del candidato sindaco dott.  Rizzo che ha raccomandato alla piazza il mantenimento della tranquillità. Rizzo ha fatto ascoltare alcuni spezzoni di  audio risalenti a comizi di 5-10 anni addietro quando l’allora quadro politico era composto da elementi che oggi si ritrovano su posizioni  nettamente contrapposte. Rizzo ha poi ceduto il  microfono ad alcuni elettori e al  suo avversario candidato al  Consiglio, Roberto Romeo, trasformando così in buona  parte il suo  intervento  in  contraddittorio. A  conclusione  del comizio  di ”Alì Terme costruiamo futuro”,  un  altro ”siparietto” tra un ex amministratore  e un imprenditore sotto l’occhio attento delle forze dell’ordine.

Leave a Response