S.Alessio. Ponte sul torrente Agrò, mancano i fondi per ricostruirlo

S.ALESSIO SICULO – Senza troppi giri di parole ieri l’Anas ha rivelato la verità sul ponte sul torrente Agrò che collega S.Teresa e S.Alessio: i fondi per ricostruirlo non ci sono. Stessa sorte per la passerella alternativa, anche qui mancano le somme necessaria a costruirla. Un situazione inaccettabile emersa ieri al termine del vertice che si è tenuto al comune di S.Alessio a cui hanno partecipato l’assessore regionale alle Infrastrutture Nino Bartolotta, il direttore regionale dell’Anas Sicilia ing. Salvatore Tonti, il direttore del centro Anas delle provincia di Messina ing. Cristiano Fogliano, l’ingegnere capo del Genio Civile di Messina Gaetano Sciacca oltre ai sindaci dei due comuni interessati Rosanna Fichera (S.Alessio) e Cateno De Luca. Al termine dell’incontro è stato effettuato il sopralluogo alla foce dell’Agrò a conclusione del quale sembra esserci una sola alternativa all’alternativa: una pista a rasa sul letto del torrente che rimarrà aperta solo nei mesi estivi. Tutto a spese dei due comuni, naturalmente. Sembra questa l’unica ipotesi percorribile. Il ponte sull’Agrò è chiuso da tre mesi a senso unico alternato regolato da impianto semaforico. Le lunghe code di auto continueranno dunque a paralizzare la viabilità della riviera jonica soprattutto con l’arrivo dell’estate quando la popolazione a S.Teresa e S.Alessio triplica. Si è fermamente opposto alla realizzazione della pista nell’alveo del torrente l’ingegnere Gateano Sciacca che si è detto contrario ad “un emergenza nell’emergenza”.   Il dato certo è uno, i comuni dovranno vedersela da soli. L’Anas con l’inizio dell’estate ha portato un’amara sorpresa alla viabilità già sofferente della riviera jonica.

Leave a Response