Nizza. Troppi schiamazzi, il sindaco vieta di giocare a pallone

Palloni di calcio banditi da piazza Artipo. Troppi schiamazzi, troppi rischi per la sicurezza dei passanti ma soprattutto dei bambini che utilizzano i giochi fatti installare dall’Amministrazione comunale. Senza contare i possibili danni beni pubblici e privati. Raccolte le numerose lamentele dei residenti, il sindaco Giuseppe Di Tommaso ha deciso di usare il pugno duro, vietando con un’ordinanza “il gioco del pallone tenendo comportamenti che possono arrecare danno ai beni pubblici e privati e molestare i passanti o le persone che sostano in detti spazi, in particolar modo i bimbi che usufruiscono dei giochini allocati da parte dell’Amministrazione”. A dimostrazione che intendere fare sul serio, il primo cittadino ha disposto anche in caso di violazioni dell’ordinanza saranno comminate sanzioni pecuniarie da 25 a 250 euro. Di Tommaso ha spiegato che al Comune “sono pervenute sollecitazioni, da parte di molti cittadini, in ordine all’adozione di interventi a tutela della tranquillità nelle zone del centro abitato, in particolare nella piazza Artipo, compromessa anche a causa di gruppi di ragazzi che, con il gioco del pallone effettuato in modo indiscriminato, arrecano danni a cose, a edifici e determinano molestia sia alle persone più anziane che sostano nella piazza per trascorrere in serenità momenti della loro giornata che ai bimbi che utilizzano i giochi”. Per tali ragioni, il sindaco Giuseppe Di Tommaso ha deciso che “occorre intraprendere ogni utile iniziativa tendente al rispetto delle norme che regolano la vita civile”. Da qui l’ordinanza di divieto del “gioco del pallone” in piazza Artipo, della cui esecuzione sono stati incaricati gli agenti della Polizia Municipale.

Leave a Response