Taormina. Occupazione suolo pubblico, chiesti esborsi per 300 euro

TAORMINA – Se a Letojanni è in fase di approvazione il nuovo e rigidissimo regolamento per le concessioni sul suolo pubblico, Taormina non è da meno. Palazzo dei Giurati ha emanato negli ultimi giorni ben 6 ingiunzioni di pagamento. Un ulteriore giro di vite da parte del Comune che ha chiesto esborsi che vanno dai 200 ai 300 euro per i commercianti che effettuano il mercato settimanale in via Von Gloden. Anche qui sarebbero sorti problemi di morosità: secondo i competenti uffici infatti i gestori non avrebbero  versato la seconda rata del canone. Palazzo dei Giurati sta adottando la linea dura, un comportamento intransigente indispensabile in un momento di crisi come quello che l’ente comunale sta attraversando: “In questa fase stiamo cercando di recuperare il possibile – sottolinea l’assessore al commercio Nunzio Corvaja. L’esponente dell’esecutivo evidenzia inoltre che “ci sono altri casi di attività commerciali che non effettuano versamenti da anni”. Il settore dell’occupazione del suolo pubblico, in particolare in una cittadina turistica, andrebbe di certo rimodulato come sta facendo l’amministrazione del sindaco Alessandro Costa a Letojanni. Intanto per la prossima estate, ormai alle porte, continueranno a vigere le vecchie norme.   

Leave a Response