Taormina ambisce a diventare centro italiano patrimonio dell’Unesco

TAORMINA – Taormina potrebbe diventare uno dei centri italiani patrimonio dell’Unesco. Un obiettivo importante e prestigioso per la Perla per il quale è stato compiuto un altro importante passo in avanti: la Giunta comunale ha esitati l’iter propedeutico all’atteso riconoscimento. A tal proposito già da mesi un gruppo di lavoro si sta adoperando sovrinteso dal presidente del club Unesco Taormina – Valle dell’Alcantara e d’Agrò,   il conte Giuseppe Tindaro Toscano della Zecca. Un’ambizione legittima quella di Taormina, culla di bellezze architettoniche e paesaggistiche, che con la sua autorevole candidatura punta a diventare il 48 centro italiano dell’Unesco. Un riconoscimento difficile da ottenere. Si dovrà adesso lavorare sulla compilazione di un dossier dettagliato da redigere secondo i criteri dettati dall’Unesco e dal ministero dei beni culturali. Un percorso questo che porterà all’ufficializzazione della candidatura della Città del Centauro. La “Convenzione sul Patrimonio dell?umanità”, adottata dalla Conferenza generale dell’Unesco il 16 novembre 1972, ha lo scopo di identificare e mantenere la lista di quei luoghi che rappresentano particolarità di eccezionale importanza dal punto di vista culturale o naturale. La nostra splendida Italia è la nazione che al momento conta il maggior numero di siti inclusi in questo prestigioso elenco. Il bel paese ne detiene ben 47. Taormina dal canto suo sembra avere tutte le carte in regola per ambire a diventare il 48° centro Unesco italiano. Un riconoscimento che potrebbe rappresentare quel quid in più rispetto ad altre località e fare dunque la differenza anche nell’ottica del turismo.  

Leave a Response