S. Teresa. Incontro sulla poesia al liceo Classico “Trimarchi”

S. TERESA – Gli studenti del liceo Classico “Trimarchi” hanno incontrato nella palestra dell’istituto il giovane letojannese Enrico Scandurra, autore della silloge di poesie “Tra ospedale e paradiso”. Un momento culturale intenso e partecipato, sia per la profondità dei versi del giovane poeta, ex studente del liceo santateresino, che per le interessanti riflessioni sul valore della poesia nel nostro tempo. Relatori sono stati alcuni studenti dell’ultimo anno (Alessia Spadaro, Marika Curcuruto, Erika Lo Schiavo, Lucia Pasquale, Antonio Branca, Maria Antonietta Passari e Maria Teresa Papa), che hanno saputo cogliere il messaggio universale dei versi. La poesia è un genere letterario che va rivalutato, in quanto essa appartiene a tutti gli uomini e come tale va presa sul serio e valorizzata. Enrico Scandurra è riuscito a scrivere del suo doloroso percorso esistenziale e della sua voglia di rinascere e di riprendersi i sogni. I suoi versi liberi e la sua profondità umana hanno incantato ed emozionato il giovane pubblico, che ha compreso quanto possa aiutare la scrittura poetica e quanto possa penetrare nell’essere delle cose. “Il poeta – ha sostenuto Scandurra – è un attento osservatore della realtà ma soprattutto è un uomo che riesce a cogliere e ad esprimere l’invisibile e ciò che sfugge agli altri”

Leave a Response