Roccalumera. Deruba e picchia selvaggiamente i genitori, 45enne arrestato

ROCCALUMERA – I  Carabinieri di Roccalumera sono intervenuti  in un’abitazione dove, poco prima, due coniugi, rispettivamente una donna di 77 anni ed un uomo di 78 anni, erano stati picchiati dal figlio  e minacciati  con un grosso coltello dal figlio per impossessarsi di 250 euro. A finire con le  manette  ai polsi  Paolo  Giuseppe Famulari, 39 anni. L’intervento dei carabinieri della atazione di Roccalumera, che  hanno agito sotto le direttive del luogotenente Santo Arcidiacono, è scattato intorno alle 3 della  scorsa notte quando, un cittadino ha segnalato delle urla provenire da una abitazione, ubicata in una via centrale di Roccalumera. Immediatamente, i carabinieri, dopo avere raggiunto la località segnalata, hanno accertato che poco prima, un uomo di 45 anni, poi identificato in  Paolo Giuseppe Famulari, operaio, con precedenti di polizia, dopo avere minacciato con un grosso coltello da cucina i propri anziani genitori, li aveva percossi al fine di impossessarsi della somma contante di 250,00 euro, nonché di una carta Postamat e di un libretto postale intestato agli stessi genitori. Nella circostanza, il 45enne, dopo essere stato prontamente bloccato e disarmato del coltello dai carabinieri, veniva trasferito in caserma dove veniva dichiarato in stato di arresto, poiché ritenuto responsabile di rapina. Il coltello, dopo essere stato repertato, veniva sottoposto a sequestro, mentre il denaro e gli altri beni sottratti da  Paolo Giuseppe fAMULARI, enivano restituiti ai suoi  genitori. I due anziani, frattanto, prontamente soccorsi dal personale del 118, venivano trasportati presso un vicino ospedale, dove i sanitari, a seguito delle lesioni riportate in varie parti del corpo, giudicavano l’uomo di 78 anni, in prognosi riservata, mentre la donna di 77 anni, veniva giudicata guaribile 30 giorni. Su disposizione del magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Messina, prontamente informato di quanto accaduto  Paolo Giuseppe Famulari veniva tradotto presso  il carcere di Messina Gazzi.

Leave a Response