Nizza Sicilia. Cortocircuito, macelleria in fiamme. Danni per 10 mila euro

NIZZA DI SICILIA – Ammontano ad  oltre 10 mila euro i danni provocati dall’incendio divampato poco dopo le 23 di venerdì nella ”Bottega della  carne” i cui locali si trovano sulla  centralissima via Umberto I,  proprio  di fronte all’entrata  principale del Municipio. Le fiamme sono state causate da un corto circuito verificatosi nella cassetta dei contatori ubicata all’interno della macelleria. A  nulla è servito il distacco automatico dell’energia elettrica interrotto dal  ”salvavita”  perché, probabilmente, la scintilla ha  innescato una  fiammata alimentata  poi dai cavi elettrici e altro materiale,  come suppellettili, prodotti alimentari, e carne lavorata in esposizione nei banchi frigo. Il  titolare, Natale  Tirante, 55 anni, che gestisce l’attività assieme alla moglie, aveva da poco chiuso la macelleria e come tutte le sere si  era premurato a controllare che tutto fosse a posto. Abbassata la saracinesca, erano circa le 10, marito e moglie erano rientrati a casa, ma poco dopo sono stati avvertiti che dal loro locale fuoriusciva del fumo. L’acre odore aveva messo in allarme anche gli inquilini di un appartamento che si  trova sopra la macelleria. Il titolare della ”Bottega della carne”, andando incontro a più  di un pericolo, non ha esitato ad alzare la saracinesca nel tentativo di  entrare nella macelleria per spegnere le fiamme ma si è dovuto arrendere. Il fuoco, infatti, si era già sviluppato nell’intero locale, soprattutto nella parte retrostante e  il fumo  aveva reso irrespirabile l’aria. A Natale Tirante non è rimasto altro che allertare i pompieri del distaccamento di Letojanni che hanno dovuto utilizzare maschere e tute ignifuche per affrontare le fiamme. Gli ultimi roghi sono stati domati dopo qualche ora di incessante lavoro. Sul posto sono intervenuti pure i carabinieri di Roccalumera con il luogotenente Santo Arcidiacono. Dai rilievi effettuati dai Vigili del fuoco,  è stata esclusa ogni ipotesi legata ad un’azione di natura dolosa. Adesso si vuole invece capire quale tipo di anomalia tecnica ha  provocato il cortocircuito. La ”Bottega della carne” non era coperta da assicurazione. 

Leave a Response