Roccalumera. Lombardo: “Comune a rischio default”

ROCCALUMERA. “L’Amministrazione comunale vari al più presto un piano di rientro dei debiti accumulati con l’Ato per scongiurare il rischio default”. Lo sostiene il consigliere provinciale Pippo Lombardo che ha lanciato un appello al sindaco Gianni Miasi. I crediti vantati dall’Ato nei confronti del Comune di Roccalumera per la gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti ammontano ad oltre 2 milioni di euro e risalgono al periodo compreso tra il 2006 e il 2011. Una situazione che potrebbe essere ripianata chiedendo alla Regione un’anticipazione di cassa con un piano di rientro decennale, come previsto dalla legge n.26 del 9 maggio scorso. “Non farlo sarebbe da irresponsabili – spiega Lombardo – poiché in caso di omessa presentazione del piano di rientro nei termini stabiliti, le anticipazioni saranno recuperate pro quota, in tre annualità”. In caso di recupero coatto da parte della Regione, quindi, il Comune rischierebbe di non poter contare, per i prossimi tre anni, sul trasferimento regionale annuale che ammonta a circa 950 mila euro. “Questo perché – prosegue il consigliere provinciale -, oltre al recupero del debito con l’Ato, bisogna aggiungere un altro milione circa che si deve ancra restituire alla Regione: 400 mila euro di anticipazione di cassa già richiesti nel 2010 e dei quali ancora ne sono stati restituiti poco più di 70 mila euro e 500 mila euro richiesti per l’alluvione del 2009, per i quali il sindaco Miasi ha chiesto alla Regione di iniziare la restituzione, che è triennale, dal prossimo anno. Se a tutto ciò poi – incalza Lombardo – aggiungiamo i debiti contratti con vari fornitori locali sia di beni che di servizi, il fallimento non solo è dietro l’angolo ma manca solo la dichiarazione formale”. Per Pippo Lombardo sarebbe un disastro. “Lo stato di dissesto non solo metterebbe in ginocchio le casse del comune ma imporrebbe ai cittadini l’aumento delle imposte locali al massimo consentito dalla legge e con il rischio – conclude il consigliere provinciale – che si debba sospendere anche qualche servizio pubblico essenziale”.

Leave a Response