Riforma rifiuti, insorgono sei Comuni jonici

S. TERESA. Coro di no dalla riviera jonica alla riforma del sistema degli Ato e alla nascita delle Srr (Società di regolamentazione del servizio rifiuti). Le motivazioni della protesta sono contenute in un documento sottoscritto dai sindaci di S. Teresa di Riva (Cateno De Luca), Alì Terme (Lorenzo Grasso), Fiumedinisi (Alessandro Rasconà), Mandanici (Armando Carpo) e Alì (Carmelo Satta); dai presidenti dei consigli comunali di S. Teresa, Fiumedinisi, Mandanici e Scaletta (Danilo Lo Giudice, Mario Puglisi, Anna Misiti e Guido Di Blasi) e dal consigliere provinciale Giuseppe Lombardo. Nel documento si parla di una “inaccettabile tempistica dettata dalla legge che risulta di difficile applicazione soprattutto in mancanza di chiarimenti su molti aspetti del provvedimento”. Vengono quindi puntati i riflettori sull’obbligo di approvazione da parte dei Consigli comunali e dei Consigli provinciali del provvedimento che segna la nascita delle Srr, pena il commissariamento da parte della Regione. Al centro della protesta, dunque, la spinosa questione della riforma del sistema di gestione dei rifiuti varata dalla Regione, che prevede la messa in liquidazione degli Ambiti territoriali ottimali e la nascita delle Società di regolamentazione del servizio rifiuti.

Leave a Response