S. Teresa. Ampliamento del cimitero rinviato, la minoranza chiede chiarezza

S. TERESA. Il doppio rinvio della gara di appalto per l’assegnazione dei lavori di ampliamento del cimitero è diventato oggetto di un’interrogazione al sindaco Cateno De Luca presentata dal gruppo di opposizione “Città Libera”. L’appalto, relativo alla realizzazione di 60 loculi e 23 ossari nel cimitero centro, si sarebbe dovuto svolgere il 10 maggio. Il giorno prima però era stato rinviato, per “sopravvenute inderogabili esigenze d’ufficio”, al 4 giugno. Successivamente era arrivato un nuovo rinvio, questa volta al 4 luglio, sempre per le stesse ragioni. La minoranza sottolinea che la gara d’appalto è dotata di copertura finanziaria a valere sul Bilancio 20011 e le somme utilizzate non incidono sul patto di stabilità per l’anno in corso. I consiglieri di “Città Libera” hanno dunque chiesto al sindaco “quali siano le “sopravvenute ed inderogabili esigenze d’ufficio ” che hanno prodotto il doppio rinvio della gara d’appalto” e “quali siano le intenzioni dell’Amministrazione comunale circa l’esecuzione dei lavori in questione”. “Città Libera” fa notare che da una verifica effettuata presso l’ufficio tecnico risulta che la disponibilità di loculi sia, ad oggi, limitata ad una decina di unità, ed in mancanza di loculi liberi il sindaco dovrà procedere alla spiacevole pratica delle requisizione coattiva dei loculi già acquistati dai cittadini per la tumulazione dei propri defunti.

Leave a Response