Taormina. Banco alimentare, la Garipoli risponde a Muscolino

TAORMINA – Non si è fatta attendere la risposta dell’assessore Antonella Garipoli, rea, secondo l’associzazione Humanitatis Progressum, rappresentata da Geri Muscolino, di non aver concesso i locali comunali per distribuire alimenti alle famiglie bisognose. “Nella nota del 5 giugno scorso, prima e unica ricevuta questa associazione, – replica l’assessore Garipoli – è stato chiesto un contributo di 2 mila euro per la distribuzione di generi alimentari. Ciò mi fa presupporre che il servizio sia già partito e abbia avuto luogo sinora a prescindere dall’assessore e dal Comune. Parliamo, mi pare, di un ente no profit” – sottolinea il rappresentante della giunta di Mauro Passalacqua . “In questi mesi recenti i Servizi Sociali del Comune si sono appoggiati a diverse borse alimentari.  In un anno e mezzo di assessorato – prosegue la Garipoli – mi sono resa conto che c’era una dispersione di risorse e ho dato incarico di redigere un piano regolatore sociale. Meglio dare continuità a 20 famiglie che illuderne 98 con un pacco che – così mi si dice – conterrebbe una confezione di biscotti e una di latte e tre mezzi chili di pasta, il chè mi pare un’offesa alla povertà”. L’associazione Humanitas – secondo l’assessore comunale –  “è presumibilmente anche beneficiaria di un contributo regionale”. Va giù pesante la Garipoli: “Se loro sono un’associazione apolitica, – ha aggiunto – io sono un architetto prestato alla politica e non ho tessere di partito. Il nuovo indirizzo da dare ai servizi sociali è dare soluzioni e non inventarsi rimedi. Personalmente – ha concluso – sono stata fatta oggetto di un attacco strumentale, anche attraverso un volantino e per questo intendo agire per vie legali”.

 

Leave a Response