”Sorprese”: a S. Alessio Rosanna Fichera candidata sindaco con la ”benedizione” dell’uscente Foti. Le smentite di Santoro e Cacciola

Novità dell’utim’ora sul fronte politico per le amministrative di maggio, sia a S. Alessio Siculo che a S. Teresa. Nel centro alessese da registrare il ”sì” dell’uscente Giovanni Foti alla candidatura dell’attuale vicesindaco Rosanna Fichera che avrà, altra novità, anche il sostegno del presidente del Consiglio, Giuseppe Cacciola, e di Franco Santoro, che dieci anni addietro ricoprì la carica di assessore. Sia Cacciola che Santoro, avevano manifestato nelle scorse settimane disponibilità a candidarsi e quando sembrava che ognuno di loro potesse prendere strade diverse, ecco adesso la ”sorpresa” con la nomination di Rosanna Fichera. Una strategia, se così la si può definire che, probabilmente, andrà in qualche modo a scompaginare le carte degli avversari, che puntano sull’ex sindaco Agatino Gussio.  La Fichera è la prima donna nel comprensorio Scaletta-S. Alessio a proprosi all’ambita carica. A S. Teresa di Riva, altra ”sorpresa” riguarda il dott. Pippo Lombardo, che rientra nel gruppo dell’uscente sindaco Alberto Morabito dopo che tra i due c’erano stati momenti di incomprensioni.

Dal comitato Franco Santoro sindaco riceviamo e pubblichiamo:
“L’articolo uscito sul vostro sito in riguardo ad un accordo fra il candidato a sindaco Franco Santoro con la Sig.ra Rosanna Fichera è del tutto falso, inventato e tendenzioso. Smentiamo ogni tipo di accordo o incontro. E nessun accordo di questo tipo si farà in futuro”.

Dal presidente del Consiglio Giuseppe Cacciola riceviamo e pubblichiamo:
“Certamente volano tante parole sui giornali elettronici,sarebbe opportuno che prima di lanciare una notizia  fossero informati  gli “attori”  per appurare la veridicità di tali informazioni. Affermo ancora una volta che qualsiasi decisione da prendere in questa strana campagna elettorale per le amministrative a S.Alessio Siculo, da parte mia verrà discussa con tutti i sostenitori che finora hanno riposto la loro fiducia nelle mie capacità di parlare di programmi e non di nomi. Come ieri mi riferiva un caro amico siamo al paradosso della commedia degli equivoci, ed io, assieme a tanti altri che sono un estimatore del nostro siciliano Pirandello non vorrei far parte di “sei personaggi in cerca di autore. Questa sera alle 21.00 nella sede da me aperta in via consolare valeria 132/134 a tutti i cittadini rivolgo un invito a partecipare per parlare di programmi e fatti concreti su quello che si può fare nell immediato e disegnare un  ipotesi  per “riproporre” il nostro paese sulla scena turistica-economica ,essendo ben conscio che la crisi economica che stiamo attraversando non è temporanea ma strutturale,per tanto le idee che camminano sulle gambe degli uomini devono essere rapportate alla realtà e alla determinazione con cui bisogna perseguire  gli obbiettivi del programma che tutti quanti insieme dobbiamo perseguire, ribadendo ancora una volta che non è il nome del candidato sindaco che può da solo con una bacchetta magica “riproporre” S.Alessio ma tutti insieme”.

—-

Relativamente alla nota del sig. Santoro, un rilievo va fatto quando parla di ”falso”. Avrebbe, secondo noi, potuto utilizzare un termine più elegante, un linguaggio politico, magari definendo la notizia ”priva di fondamento”. Perché ”falso” ha ben altro e più profondo significato, signor Santoro. Ecco perché il suo dire è inappropriato. Insomma, non ci appartiene, signor Santoro.

 

 

Leave a Response