Cesarò. Minaccia con la pistola un pregiudicato, arrestato 35enne incensurato

CESARO’ – A conclusione di una pressante attività investigativa, i carabinieri della stazione di Cesarò con il supporto dei militari della Compagnia di Santo Stefano di Camastra. hanno tratto in arresto un incensurato 56enne, Vito Capizzi, nato a S. Teodoro ma residente a Cesarò, ritenuto responsabile di porto illegale di una pistola in luogo pubblico e violenza privata pluriaggravata in concorso. L’uomo, in concorso con altre due persone, avrebbe minacciato, per motivi in corso di accertamento, con la pistola  un uomo di 35 anni, con precedenti di polizia alle spalle anche per reati contro il patrimonio, con il quale avrebbe anche intrapreso un inseguimento a bordo di un’autovettura per le vie di San Teodoro. Le indagini dei carabinieri, prontamente avviate a seguito della segnalazione telefonica di un privato cittadino, che aveva riferito quanto si stava verificando, hanno consentito, nel giro di poche ore, di individuare il responsabile,  Vito Capizzi, che è stato bloccato da carabinieri mentre si trovava nella contrada Ciappulla di Cesarò. Nel corso del controllo di polizia, i militari dell’Arma hanno sequestrato una pistola cal. 7,65, completa di caricatore con 8 colpi dello stesso calibro, che Capizzi portava con se illegalmente avendo solo il permesso di detenerla in casa. Stante la flagranza di reato, per Vito Capizzi sono scattate le manette con l’accusa di porto illegale di arma in luogo pubblico e, lo stesso, su disposizione dell’Ag di Catania è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di giudizio. Nel proseguo degli accertamenti, i militari dell’Arma hanno individuato e segnalato alla Procura della Repubblica di Catania altre due persone, complici di Capizzi, i quali dovranno rispondere unitamente allo stesso di violenza privata pluriaggravata in concorso.

Leave a Response