Fiumedinisi. La minoranza consiliare minaccia querele: ”Le affermazioni nei nostri confronti dell’on. De Luca sono false, calunniose e ingiuriose”

FIUMEDINISI – In una lettera aperta ai fiumedinisani, i consiglieri uscenti di minoranza, Francesco Repici, Orazio De Francesco, Tanino Ricca, Nino Maisano, contestano energicamente alcuni ”passaggi” del comizio che l’on. Cateno  De Luca () ha tenuto domenica 4 marzo in piazza San Pietro, a Fiumedinisi, e nel corso del quale ha, tra l’altro, chiamato in causa i consiglieri di minoranza e il dott. Giovanni Maisano, attribuendogli azioni che avrebbero contribuito a generare i suoi guai giudiziari. ”Per doverosa risposta ai fiumedinisani e all’opinione pubblica in genere – si legge nella nota del gruppo d’opposizione – possiamo dichiarare con assoluta serenità, che le affermazioni di De Luca nel comizio del 4 marzo “nomi e cognomi”, per quanto riguarda noi e il dott. Giovanni Maisano, è totalmente falso, calunnioso e ingiurioso e, quindi, ci riserviamo di proporre querele a tutela della nostra onorabilità. Le vicende giudiziarie di De Luca, per sua stessa ammissione – sostengono quelli della minoranza – hanno origine in periodi precedenti al 2008, anno in cui siamo stati eletti consiglieri di minoranza. Riteniamo di avere svolto, come risulta dai documenti, il compito di vigilanza e controllo, che le regole assegnano alle minoranze, con dignità, coraggio e competenza, accompagnando alla critica sempre la proposta. Possiamo affermare che di alcuni fatti giudiziariamente rilevanti accaduti anche nel corso del nostro mandato, noi non eravamo a conoscenza. Riteniamo di potere affermare – sostengono i quattro consiglieri di minoranza – che abbiamo persino fatto il possibile per bloccare la frana che ha travolto De Luca ed altri, ai primi segnali di smottamento che lui – e solo lui – ha, con costanti finalità autodistruttive, provocato. Non abbiamo querelato nessuno, mentre noi siamo già destinatari di tre querele (oltre quelle annunciate da De Luca) con finalità palesemente intimidatorie. Fatte queste nostre doverose precisazioni, vi preannunciamo (rivolgendosi ai fiumedinisani – ndr) che noi, non volendo alimentare tensioni, non risponderemo agli attacchi personali e, candidandoci alla guida della nostra comunità, le risposte le daremo con il programma che prossimamente sarà reso noto unitamente alla presentazione della lista dei candidati. Pur in condizioni ambientali obiettivamente difficili – si legge infine nella lettera a firma di Repici, De Francesco, Ricca e Maisano – vogliamo condurre la prossima campagna elettorale senza polemiche e attacchi personali, basandola su finalità obiettivamente sostenibili, secondo la vocazione del nostro territorio e la cultura della nostra gente oggi presente e di quella che noi ci proponiamo di far tornare nel prossimo futuro. Siamo ricettivi alle critiche con preferenza per quelle accompagnate dalle proposte”.

Leave a Response