Giardini. Il Comune rischia il dissesto economico, da pagare un milione e mezzo di euro per contenziosi risalenti al 1973

GIARDINI NAXOS – Il Comune è sull’orlo del dissesto economico. L’ammissione arriva direttamente dal sindaco Nello Lo Turco, che non nasconde che la situazione finanziaria di Palazzo dei naxioti è “allarmante”. Il macigno che più pesa sul capo dell’amministrazione è rappresentato dai contenziosi avviati nei confronti dell’ente locale parecchi anni fa: cause per le quali bisogna addirittura andare indietro nel tempo sino al lontano 1973. Due sentenze definitive, a seguito della maturazione degli interessi e del pagamento delle spese legali, dovrebbero raggiungere la pesante cifra di un milione e mezzo di euro. Somma questa  che potrebbe determinare il tracollo del comune naxiota. “La situazione –si legge in una nota del sindaco Nello Lo Turco – è veramente allarmante e non so se riusciremo a superare questo momento ed evitare lo stato di dissesto economico. Già dall’inizio di questa esperienza amministrativa abbiamo scelto con il massimo rigore, con impegno e con il dovuto senso di responsabilità, la strada di una gestione oculata per cercare di sanare situazioni debitorie pregresse anche a discapito dell’efficienza dei servizi erogati. Siamo i primi, infatti, ad essere consapevoli dello stato pietoso delle nostre strade, dell’incuria del verde pubblico o delle bambinopoli disastrate, ma abbiamo cercato di ridurre al massimo le spese per tentare di eliminare molti contenziosi per situazioni pregresse ma adesso queste sentenze per una cause risalente a 30 anni fa e per un importo così elevato, ci mette seriamente in difficoltà”. Un primo atto stragiudiziale pervenuto all’ufficio contenzioso riguarda l’esproprio di un terreno la cui causa venne intentata negli anni 90. In questo caso la cifra da versare più, appunto, gli interessi è stata quantificata in quasi 560 mila euro. In un’altra sentenza della corte d’appello di Messina, di cui si è avuto comunicazione dalla studio legale due giorni fa, condanna la casa naxiota ad una pagamento di 221mila euro. Ma su quest’ultima cifra dovranno essere versati gli interessi di legge che sono stati quantificati dagli uffici comunali. La somma da sborsare si attesterebbe, appunto, in oltre un milione di euro. In questo caso gli interessi vanno calcolati dal lontano 1973. Lo studio legale, inoltre, non consiglia l’ulteriore appello presso la Cassazione.

 

Leave a Response