Scaletta Zanclea. Molestie e minacce, 21enne arrestato

SCALETTA ZANCLEA – I carabinieri della Compagnia di Messina sud e quelli di Scaletta Zanclea e del Nucleo operativo hanno arrestato, in circostanze diverse, un 21enne ed un 16enne ritenuti responsabili,rispettivamente, di minaccia, molestie e di spaccio di sostanze stupefacenti. A finire in manette Vincenzo Qauttrocchi, 21 anni, già sottoposto alla misura degli arresti domiciliari per furto in concorso, il quale, come accertato dai carabinieri della stazione di Scaletta Zanclea, nel periodo di detenzione domiciliare si sarebbe reso responsabile di molestie e minacce a mezzo telefono e tramite l’utilizzo di un social network nei confronti di un proprio coetaneo.
Il Gip del Tribunale di Messina, a seguito della richiesta di applicazione di misura cautelare avanzata dall’Ag. del capoluogo peloritano che concordava pienamente con le risultanze emerse nel corso delle indagini dei carabinieri, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Qauttrocchi, che adesso si trova nelle carceri di Messina Gazzi.
In un’altra circostanza, i carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Messina Sud, in piena notte, hanno arrestato uno studente di 16 anni perché ritenuto responsabile di spaccio di sostanza stupefacente. I carabinieri che stavano effettuando un servizio di controllo nella zona sud di Messina avevano notato un gruppetto di giovani che alla  vista dei carabinieri sono fuggiti. Due giovani venivano bloccati proprio mentre uno di essi si apprestava a cedere una dose di sostanza stupefacente. Immediatamente bloccato, il giovanissimo pusher veniva sottoposto a perquisizione personale e trovato in possesso di ulteriori cinque grammi di droga del tipo marijuana. Il 16enne è stato arrestato e trasferito presso il centro di accoglienza di viale Europa. Il giovane, invece, che aveva ricevuto la dose di droga è stato segnalato alla Prefettura di Messina.
 

Leave a Response