Maltempo. Antillo a rischio isolamento e frazioni irragiungibili per l’esondazione dei torrenti sulle strade

ANTILLO – La pioggia insistente e le di raffiche di vento che da ieri sera interessano anche la Valle d’Agrò hanno causato ingenti danni ad Antillo. Sono in  corso accertamenti dell’Ufficio tecnico comunale e della polizia municipale. L’abbondante pioggia rendono problematici, se non impossibili, i collegamenti viari intercomunali, sia le comunicazioni tra le diverse zone del territorio comunale. Antillo è a rischio isolamento: chiusa la strada provinciale Antillo-Fondachelli Fantina interessata in più punti da numerose frane e smottamenti, mentre a fatica si percorre la strada provinciale Antillo-S. Alessio Siculo. In contrada Due Fiumare il torrente Antillo è esondato ed ha invaso la sede stradale. Intransitabile anche la strada comunale che da Antillo conduce alle frazioni Pinazzo e Sverna che sono rimaste con gravi disagi per le famiglie residenti. Tutte le strade comunali, soprattutto quelle che conducono nei fondi agricoli circostanti al centro abitato, sono danneggiate e con la carreggiata, in più punti, invasa da crolli di costoni di argilla. Gravi danni per l’agricoltura, con i raccolti seriamente compromessi, e per le numerose attività produttive. I torrenti hanno invaso numerosi fondi agricoli e il crollo di una passerella sommersa di collegamento tra la frazione Canigliari e la frazione Ballo. Il sindaco ha disposto la sospensione delle attività didattiche, per cui le scuole di Antillo rimarranno chiuse anche domani (mercoledì). Il primo cittadino, Davide Paratore si è rivolto alla Provincia regionale di Messina, al Genio civile e alla Protezione civile, chiedendo un urgente sopralluogo tecnico finalizzato alla quantificazione dell’ammontare dei danni. Paratore, inoltre, intende avanzare richiesta al presidente della Regione per la dichiarazione dello stato di calamità naturale che integri quella già presentata per gli eventi alluvionali che hanno colpito Antillo il 9 novembre scorso.

Leave a Response