Messina. Per 11 anni aveva violentato una bambina e al processo il pedofilo scopre che era sua figlia

MESSINA – Per anni un uomo, I. G., 67 anni, ha abusato sessualmente di una bambina ritenuta figlia della sua amante, ma poi ha scoperto invece di esserne il padre biologico, quando nelle fsi del processo è stato sottoposto al test del dna. Per anni ha violentato sua figlia. Ieri questa vicenda terribile ha avuto il suo primo epilogo processuale davanti al gup di Messina Antonino Genovese, che ha condannato a 6 anni di reclusione il pedofilo inconsapevolmente incestuoso. Il pm Federica Rende aveva chiesto 10 anni di reclusione. L’uomo era stato arrestato nell’aprile scorso, dopo la denuncia della ragazza, che ha subito i suoi abusi sessuali per undici anni, fin da quando aveva solo quattro anni e la madre se la portava appresso in un motel quando s’incontrava con l’amante. La vittima ha avuto il coraggio di registrare con il cellulare i suoi incontri con l’orco, poi nel corso dell’inchiesta è stata acquisita un’intercettazione tra il padre e la figlia, prova inconfutabile della colpevolezza dell’uomo..

Leave a Response