Messina. Pignorati beni immobili al deputato Scilipoti, condannato a risarcire 200 mila euro ad un ingegnere

MESSINA – Il deputato Domenico Scilipoti deve risarcire 200 mila euro all’ing. Carmelo Recupero, che negli anni ’90 aveva redatto un progetto per conto dell’attuale parlamentare dei ”Responsabilià” ed ex Idv. Lo ha deciso la Corte di Cassazione che ha confermato la sentenza d’appello emessa dal Tribunale di Messina nel 2009. Il progetto riguardava la costruzione di un poliambulatorio medico a Terme Vigliatore, paese d’origine di Scilipoti. L’avvocato Vincenzo Mandanici, legale del creditore, ha ottenuto il pignoramento degli immobili di Scilipoti e ha notificato un atto di pignoramento alla Camera per chiedere il sequestro delle indennità accessorie del deputato, non essendo pignorabile lo stipendio dei parlamentari. Recupero, che ha iniziato parecchi anni fa la battaglia legale per il pagamento della propria parcella, militava con Scilipoti nel Psdi ed entrambi, negli anni ’90, erano consiglieri comunali a Terme Vigliatore.

 

Leave a Response