Sorpresi a rubare nelle zone alluvionate di Giampilieri, due giovani arrestati dai carabinieri

GIAMPILIERI (Messina) –  I carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato due giovani ritenuti responsabili di un furto commesso in un’abitazione del villaggio di Giampilieri Superiore, che i proprietari avevano dovuto abbandonare a seguito dell’alluvione del 1. ottobre 2009. A finire in carcere due giovanissimi messinesi: Vittorio Smiroldo, 18 anni, già arrestato lo scorso 5 novembre per un furto commesso in un cantiere del villaggio Rodia di Messina, e Lo Presti Cristian, 23 anni, già noto alle forze dell’ordine. I miltari dell’Arma hanno ”pizzicato” i due in località Puntale, uno dei quartieri di Giampilieri più devastati dalla tragica alluvione del 2009.
L’attenzione dei carabinieti è stata richiamata da un motocarro, parcheggiato nei pressi di via Puntale. I due malviventi quando si sono accorti della presenza dei militari hanno tentato la fuga ma sono stati bloccati.
Durante una perquisizione sul motocarro, i carabinieri hanno rinvenuto un grosso sacco contenente diversi oggetti, tra cui un lampadario in ottone, una macchina per la pasta, un portalampade ed un motore per autoclave, che erano stati rubati in un’una abitazione. Dopo l’identificazione, Smiroldo e Lo Presti sono stati arrestati e trasferiti alle carceri di Gazzi. L’operazione dei carabinieri della Compagnia Messina sud si inquadra nell’ambito delle attività finalizzate a prevenire e reprimere azioni di sciacallaggio nelle aree della zona sud di Messina della fascia ionica devastate dall’alluvione del 2009.

Leave a Response