Messina. Il mancato arrivo dei fondi per le zone alluvionate, il Pd chiede una seduta congiunta tra Comune e Provincia

MESSINA – Immediata convocazione di un Consiglio straordinario congiunto tra Comune e Provincia per la vicenda dei fondi per Giampilieri e altri villaggi di Messina, e dei comuni di Scaletta Zanclea, Itala. Il capogruppo del Pd alla Provincia, Pippo Rao, chiede che i presidenti dei Consigli Provinciale e Comunale di Messina, Salvino Fiore e Pippo Previti, si attivino con urgenza affinché il presidente della Provincia, Ricevuto, e il sindaco di Messina, Buzzanca, vengano a ”dire ufficialmente e nelle assemblee istituzionali di maggiore rappresentanza politica del nostro territorio, che cosa intendono fare per difendere le nostre comunità dalla vergogna di un governo che continua ad umiliare il dolore e le esigenze della nostra gente”, incalza Rao. Che aggiunge: ”Si chiede che Ricevuto e Buzzanca dicano ufficialmente se stanno con il loro governo “amico” ma “nemico” del nostro territorio, od intendano avere uno scatto d’orgoglio che ridia dignità al loro ruolo di rappresentanti di governo delle nostre istituzioni locali. Basta con gli annunci mediatici e le promesse dei loro amici al governo, basta con il prendere tempo invocando responsabilità varie e sempre di “altri”. Siano loro – rileva Pippo Rao – a capeggiare la rivolta civile, politica, pacifica ma ferma e decisa contro chi dopo essere venuto a fare passerelle nella immediatezza dei disastri si è dimenticato dei morti e delle tragedie dei nostri territori, catalogando la nostra gente “figli di un Dio minore” rispetto ad altre esigenze quasi sempre nel nord del paese. E se non saranno capaci – prosegue Rao – od avranno titubanze, abbiano almeno il coraggio di rimettere il mandato, di consegnare le loro fasce al Presidente della Repubblica”. Il capogruppo del PD, tra l’altro, riproporrà in settimana l’organizzazione della manifestazione istituzionale a Roma di fronte alla sede del Governo, con la convocazione dei consigli dei comuni interessati dai fenomeni alluvionali e di dissesto idrogeologico della nostra Provincia, con la partecipazione dei comitati locali e dei cittadini, ”così come si stava facendo – ha concluso Rao – circa un mese addietro ed in modo bipartisan, tranne che poi sospendere il tutto ( anche per non rompere il fronte comune) per le solite rassicurazioni bugiarde e strumentali che nel frattempo erano arrivate dai soliti amici del governo nazionale”.

Leave a Response