Alluvione 2009, i 160 milioni stanziati per le emergenze non possono essere spesi: l’ordinanza della Protezione civile firmata da Berlusconi è sbagliata

L’ultima ordinanza di Protezione civile firmata dal presidente Silvio Berlusconi, quella che ha stanziato 160 milioni di euro per le emergenze dei Nebrodi  (90 milioni)  e deii centri ionici (70 milioni) per l’alluvione di Giampilieri Superiore, Scaletta  e di alcuni villaggi di Messina del 2009, è sbagliata. Così com’è concepita non consente alla Regione di utilizzare quelle somme”. Lo ha ribadito il capo della Protezione civile Franco Gabrielli. La modifica dell’ordinanza è necessaria affinché le risorse possano essere trasferite tramite il bilancio della Regione Siciliana. L’ordinanza così concepita infatti non consente al presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, di utilizzare quelle somme. E, intanto, Lombardo sottolinea che le famiglie colpite dalla tragica alluvione non ”possono restare vittime anche di questo tipo di errori”. Il presidente della Regione continua: “Prendiamo atto delle parole del capo della Protezione civile, Franco Gabrielli, che confermano quanto da noi segnalato e che fanno chiarezza sulla situazione e sulle strumentali polemiche sollevate sulla questione. L’auspicio, adesso, e’ che a Roma si rimedi al piu’ presto, in modo da consentire di sbloccare le somme in favore delle famiglie danneggiate dell’alluvione di due anni fa e che non possono restare vittime anche di questo tipo di errori”.

Leave a Response