Roccalumera. Nuovo piano viario, è scontro tra commercianti e amministrazione comunale

ROCCALUMERA – I commercianti non ci stanno a «subire passivamente» le decisioni dell’amministrazione sul nuovo piano viario, che sarà varato nelle prossime settimane. Chiedono un confronto con il sindaco, Gianni Miasi, affinché ascolti le loro proposte. Gli esercenti si sono riuniti, giungendo a una linea comune per quanto concerne la loro posizione e la loro idea di sviluppo del territorio, che passa anche attraverso il nuovo piano viario. Erano più di 20. Hanno costituito un comitato spontaneo e nominato un portavoce: Franco Barletti, già assessore nell’amministrazione guidata da Miasi. «Vogliamo un confronto pubblico, civile e democratico – esordisce Barletti – per far sì che dal provvedimento che l’amministrazione intende varare, vale a dire il senso unico sulla centrale via Umberto I, la Statale 114, ne traggano beneficio i cittadini e i commercianti che operano in questo paese». Le idee sembrano chiare: «Il senso unico – spiega Barletti, a nome dei colleghi – a nostro avviso va istituito anche sul lungomare, che ha le potenzialità e le caratteristiche per diventare il salottino non solo di Roccalumera, ma dell’intero comprensorio. Evitando tra l’altro che la litoranea si trasformi in uno… stradone in cui regna il caos. In esso andrebbe concepita una pista ciclabile, come a Furci. E proprio il nostro sindaco, in una pubblica riunione, ha citato quale modello il paese limitrofo al nostro. La speranza è che adesso non si tiri indietro. I commercianti – prosegue Barletti – sono aperti al dialogo e non vogliono lo scontro. Ma certamente – incalza – non ci va di essere presi in giro. Come nel caso dell’ultima riunione pubblica, all’Antica Filanda, in cui si disse che eravamo solo 15. Ma il sindaco – specifica Barletti – non aveva inviato l’invito a tutti. Va inoltre sottolineato che in quella sede, nonostante il plebiscito a favore del senso unico sulla Statale nel referendum informale, c’erano solo due cittadini…».

Leave a Response