Roccalumera, in arrivo 3 milioni di euro (fondi Fas) per potenziare il depuratore

ROCCALUMERA –  Il depuratore consortile, che serve anche i Comuni di Furci Siculo e Pagliara, sarà oggetto di un imponente intervento per un ammontare di quasi 3 milioni di euro: per l’esattezza 2 milioni e 903mila euro. I lavori saranno realizzati attingendo le somme necessarie dai fondi Fas, destinati alle aree sottosviluppate. I soldi sono già disponibili. La notizia è stata ufficializzata al termine di un incontro a Palermo tra il sindaco, Gianni Miasi, e un dirigente dell’assessorato regionale dell’Energia e dei servizi di pubblica utilità.  Entro il 15 settembre  dovrà essere consegnata a Palermo la scheda tecnica con le opere da eseguire, contestualmente al progetto preliminare. Successivamente  Regione e Stato stipuleranno l’Accordo di programma quadro. “Se tutto, come prevedo – sostiene Miasi – andrà per il verso giusto, l’iter burocratico dovrebbe giungere a conclusione entro la fine dell’anno in corso”. Miasi ostenta soddisfazione: “Finalmente –  chiosa – lo Stato si è ricordato di noi e delle nostre quotidiane difficoltà. Avremo così un impianto di depurazione con standard europei, nel quale entrerà fogna ed uscirà acqua idonea all’irrigazione dei terreni coltivati. Una rivoluzione…”. E non potrebbe essere diversamente se si considera che il depuratore esistente, che sorge alla periferia sud del paese, a ridosso del torrente Pagliara, è praticamente ridotto a colabrodo e la condotta esplode ad ogni piè sospinto.

Leave a Response