Alì Terme. Pulizia del cimitero carente, l’assessore Muzio replica alla minoranza

ALI’ TERME – Rovente botta e risposta tra minoranza consiliare e amministrazione comunale sulle condizioni in cui versava fino a qualche giorno addietro il cimitero. Vale a dire prima che l’Ato 4 Messina intervenisse per rendere quel luogo nuovamente decoroso innanzi tutto per i defunti e poi per quanti ad essi rendono visita. L’opposizione ha richiamato con una nota l’attenzione del sindaco e dell’assessore ai Lavori pubblici e all’Igiene e Sanità, Maria Rita Muzio, sullo “stato di indecenza in cui versava il camposanto, nonostante ben due società si occupino del decoro cimiteriale”. Muzio ha subito specificato che lo svuotamento dei contenitori e la pulizia del  cimitero “è di competenza esclusiva dell’ Ato che in questi giorni sta eseguendo lavori  di scerbatura e pulizia straordinaria, dopo numerose diffide verbali e scritte inoltrate quasi giornalmente dagli uffici e dall’Amministrazione, previo  accertamento della polizia municipale.  Pertanto – sostiene l’assessore – a nostro avviso l’Ato è da ritenersi l’unica responsabile dei disservizi lamentati. In realtà – prosegue –   il servizio a regime di pulizia cimiteriale garantito dall’ Ato lascia a desiderare, sia in termini di frequenza, quanto di personale a tal scopo destinato. Ciò è oggetto di contestazioni scritte – chiosa Maria Rita Muzio – inviate in tutto l’arco dell’anno, come è facilmente riscontrabile dagli atti depositati presso il Comune e che anche i consiglieri di minoranza possono consultare, piuttosto che rilasciare dichiarazioni inesatte”. L’assessore ha poi chiarito la vicenda delle due società che si occupano della pulizia del cimitero: “Non è assolutamente vero – taglia corto – in quanto una, che non è l’Ato, si occupa solo ed esclusivamente della cura del verde nel territorio, ivi compreso il Cimitero e pertanto non risponde al vero che il Comune paga due volte gli stessi servizi. Per il resto – conclude Muzio – ritengo del tutto condivisibile quanto dichiarato dal gruppo di minoranza in ordine all’importanza del decoro di un luogo di culto come il camposanto”.

Leave a Response