S. Teresa. Protestano gli abitanti di via Bolina: “Siamo ostaggio di un cantiere di lavoro”

S. TERESA DI RIVA – Sbarca nel palazzo la protesta degli abitanti di via Bolina. A farsi portavoce del loro disagio, in seguito all’avvio di un cantiere di lavoro che ostruisce il passaggio lungo la via d’accesso alle loro abitazioni, è stato il consigliere di minoranza Danilo Lo Giudice. “È inammissibile – ha detto ieri sera in Consiglio – che il cantiere presente nella zona di Barracca, alla periferia sud del paese, sia stato strutturato prevedendo una chiusura totale del tratto interessato dai lavori, dal lungomare e fino ad arrivare alla linea ferroviaria. Nonostante  un gruppo di cittadini abbia incontrato il sindaco evidenziando i disagi che saranno costretti a sopportare per i novanta giorni della durata del cantiere – incalza Lo Giudice – non è stato preso alcun provvedimento”. Gli abitanti di via Bolina avevano anche inviato una circostanziata lettera di reclamo al sindaco, Alberto Morabito, all’assessore competente in materia, al responsabile dell’ufficio tecnico e al comandante del Corpo di polizia municipale. In essa evidenziavano il problema specificando che in seguito alla chiusura della via in cui sorgono le loro abitazioni “non era stata predisposta una strada alternativa in modo da consentire il transito ai propri veicoli e, soprattutto, ai mezzi di soccorso”. Nell’incontro con il primo cittadino era stata chiesta la pulizia e la messa in sicurezza di una strada alternativa. “Ma le erbacce e le buche – sostengono i cittadini – sono rimaste al loro posto. In virtù di ciò le uniche due arterie alternative consigliate dagli uffici continuano a rimanere in condizioni precarie e pericolose. Non vi sono le condizioni di sicurezza per il transito veicolare e pure siamo obbligati a transitarvi per evitare di rimanere isolati”. L’apertura è prevista a fine agosto. Ma i cittadini non vogliono aspettare quella data, così tornano a chiedere agli amministratori “misure idonee” per superare l’ostacolo. Ad amplificare il loro disagio, in municipio, ci ha pensato il consigliere di minoranza Lo Giudice. Ed anche lui, adesso, attende una risposta.

Leave a Response