Taormina Film Fest 2011. Trionfa il film marocchino “Sur la planche” di Leila Dilani

TAORMINA – “Da quando sono arrivata a Taormina, c’è stata una grande evoluzione del Film Fest e questo per me e il mio staff è motivo di grande soddisfazione”:  è una Deborah Young visibilmente sollevata quella che affronta la conferenza stampa di chiusura Festival del Cinema. La tensione nell’ultima settimana è stata tanta e adesso il direttore artistico può lasciarsi andare ai ringraziamenti, che rivolge dal primo all’ultimo dei suoi collaboratori. Non poteva mancare un accenno alle difficoltà incontrate per organizzare questa edizione. “E’ pericolosissimo – spiega – fare un grande Festival con un budget ridotto come quello di quest’anno, perché poi il prossimo anno ti daranno ancora meno contributi”. Il futuro? “Non ho paura di vedere ancora cambiare Taormina – aggiunte la Young – Stiamo pensando, per la prossima stagione, di proiettare alcune pellicole al cineteatro S. Giorgio dell’Oratorio dei Salesiani. Abbiamo voglia di portare il Film Fest in una nuova dimensione. Taormina è uno dei Festival più importanti del Mediterraneo e i nostri sponsor ci seguono in questa idea. In Egitto, ad esempio, siamo molto conosciuti e non è un caso se gli egiziani ci chiedono di venire a Taormina”. E’ calato dunque il sipario sulla 57esima edizione del Film Fest e l’ultima giornata non poteva che essere dedicata all’assegnazione dei premi. A farne incetta è stato il noir metropolitano “Sur la planche” della marocchina Leila Dilani, che ha portato a casa il Golden Tauro per il miglior film; il premio per la miglior regia e quello per la migliore interpretazione, assegnata all’intero cast femminile di “Sur la planche”. Premio speciale della giuria al film d’animazione “Il gatto del rabino” di Joann Sfar; premio Audience award per il miglior film in concorso “Oltre il Mediterraneo” a “Black  butterfly” di Paula Van der Oest; premio speciale della giuria popolare del concorso “Oltre il Mediterraneo” ad “Alzheimer” di Ahmad Reza Motamedi. Infine, per il concorso “Nice – corti siciliani”, il primo premio è andato a Vodka Tonic di Ivano Fachin.

Leave a Response